Elon Musk e il coraggio di osare

Molti di noi hanno un progetto, un’idea o più semplicemente un sogno nel cassetto. Qualcuno sogna di vivere con le proprie passioni, altri vogliono finalmente smettere di lavorare sotto padrone e mettersi in proprio, altri ancora hanno acquisito una competenza importante, ma non si sono ancora decisi a mettersi in gioco.

La maggior parte di questi progetti, purtroppo, non vengono mai realizzati perché manca il coraggio di osare. Poi arriva un uomo in carne e ossa, non un supereroe, che si mette in testa di cambiare in mondo. La cosa più straordinaria è che ci riesce, un passo alla volta. Questo uomo si chiama Elon Musk e credo che abbiamo tutti qualcosa da imparare da lui.

Chi è Elon Musk e perché è un imprenditore fuori dagli schemi

Dopo un’infanzia in Sudafrica che lo ha visto vittima di bullismo, ha studiato prima in Canada e poi negli Stati Uniti, dove ha fondato col fratello la sua prima azienda, Zip2. Dopo appena pochi anni riesce a vendere la società per 330 milioni di dollari.

Si dedica quindi alla creazione di un metodo di pagamento online e diventa cofondatore di Paypal, che trasforma in un colosso mondiale da 1,5 miliardi di dollari, acquistato da Ebay. Grazie a questo ricco incasso, prendono forma i suoi progetti più ambiziosi e rappresentativi: SpaceX e Tesla Motors.

Ognuna delle idee imprenditoriali di Elon Musk ha dell’incredibile, perché si spingono oltre ogni immaginazione. SpaceX, per esempio, è stata la prima azienda privata ad inviare una capsula spaziale che è stata attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Pare che l’obiettivo finale sia quello di inviare esseri umani su Marte e creare lì una colonia autosufficiente.

Anche Tesla Motors è un’impresa sui generis, perché ha sfidato i colossi dell’automobilismo per creare auto elettriche d’alta gamma. Il valore dell’azienda ha superato quello delle Ford, sebbene si tratti di un’impresa in perdita. Come si spiega questa anomalia? Perché Tesla non vende solo auto, ma un’idea in grado di ispirare gli altri, straordinaria, ecosostenibile ed esclusiva.

Elon Musk, l’imprenditore visionario che ha realizzato i suoi sogni di bambino

Se proprio vogliamo dirla tutta, Elon Musk, visionario, anticonformista e provocatorio, non ha fatto altro che realizzare i suoi sogni di bambino. Durante la sua infanzia aveva una vera fissazione per le auto veloci e i razzi spaziali, e negli anni si è aggiunta anche la passione per la tecnologia e l’ecosostenibilità.

Nessun imprenditore con la testa sulle spalle, anche se milionario, ha mai avuto l’idea di investire su capsule e navette spaziali. Elon Musk lo sa benissimo, ma non si è lasciato fermare da chi gli diceva che era un folle e stava buttando i suoi soldi. Ancora oggi la gente continua a pensare che il signor Musk sia un folle, ma è proprio per questo che ha la capacità di ispirare gli altri.

Un uomo che ha un’idea nuova è uno svitato finché quell’idea non ha successo.
(Mark Twain)

Elon Musk ha una visione: un mondo dove i pagamenti si inviano online con un click, dove le auto non emettono gas inquinanti e le persone possono salire su una navetta per andare su Marte. Non importa se non riuscirà a raggiungere tutti i suoi obiettivi, ma è sufficiente che ci provi, per ispirare le persone che hanno un sogno nel cassetto e non si sono ancora decise a farlo diventare realtà.

Se è vero che il segreto del successo è la motivazione, questo imprenditore visionario ne è la prova vivente. Con la sua motivazione è in grado di realizzare quello che sembra impossibile e credo che ogni singola persona dovrebbe prendere esempio e provare ad avere un impatto sul mondo.

Anch’io ho la mia visione e vorrei aprire gli occhi delle persone assuefatte dalla cultura moderna sull’importanza del tempo, sulle potenzialità dell’intelligenza artificiale e di come sfruttarla per creare rendite automatiche e di come oggi sia possibile vivere in modo non convenzionale. Per questo ho creato una community e se anche tu vuoi farne parte, iscriviti alla mia newsletter e iniziamo insieme questo viaggio.

Lascia un commento